Fotografie che non vogliono essere ricondivise


Ovviamente conoscevo ogni parola di "Wannabe".

Ricordo interi pomeriggi passati a consumare le pile del mio lettore CD, passeggiando su e giù per il lungo mare. Eravamo quattro amiche che si tenevano per mano e riempivano le strade cantando i versi di quella canzone:


If you wanna be my lover, you gotta get with my friends.

Make it lost forever, friendship never ends


Non avevamo smartphone, non esistevano selfie o hashtag per descrivere quei momenti: cantavamo per cantare, per condividere tra di noi. Il tempo era più lento e ci permetteva di innamorarci davvero.


Ma quando?



Quando ci si diceva "saremo amiche per sempre". Quando le camerette erano tappezzate di poster e c'era spazio per un idolo soltanto. Quando le Spice Girls facevano emozionare ognuna di noi, senza postare stories su Instagram.

Quando, con pazienza, si ritagliavano le foto dai giornali, si masterizzavano i CD da regalare e non c'era regalo più bello, perché ogni canzone racchiudeva un ricordo o un significato.

Quando si sapeva aspettare e le fotografie erano tesori da appendere, con una puntina colorata, sulla bacheca in sughero della nostra stanza.


Oggi le canzoni corrono veloci, tra uno swipe e un tap. Abbiamo a disposizione infinite risorse e possibilità. Sta a noi scegliere. Sta a noi scegliere di fermarci ogni tanto.

Scegliere di ascoltare una canzone dall'inizio alla fine, senza trascinare i secondi sui nostri schermi touch, ascoltando ciò che ha da dire. Scegliere di condividere solo qualche frammento e il resto conservarlo per noi.


© 2018 by Via Lactea Studio - Beatrice Angelini P.iva 01447980119 - Web Design by Amen Studio