Scrivere con la luce

Sapete a che cosa ho pensato molto spesso in questi giorni?


Al cielo, che sembra essere più terso.

All'aria, così pulita e pungente.

A questa luce meravigliosa, che mi fa venire voglia di correre in studio e ritrarre un volto, cercando di comprenderlo. Di farmi svelare i suoi segreti senza dire una parola.

Forse è il gusto del proibito. Forse se non fossimo in isolamento pioverebbe. Forse ci sarebbe il sole, ma nessuno ci farebbe caso.

O forse l'aria è così tersa perché se l'uomo è costretto a fermarsi, la natura vince e il nostro pianeta ne approfitta per fare un bel respiro a pieni polmoni.


È buffo, no?

In fin dei conti si tratta di un equilibrio sottile.

Così riguardo questa luce bellissima e non posso che gioire del senso di pace che mi sta regalando, ogni mattina.

Questo tempo non richiesto lo stiamo pagando tutti a caro prezzo.

Cerchiamo di trasformarlo in qualcosa di prezioso.




Cerchiamo di riempire le nostre giornate di relazioni e non di notiziari.

Parliamo con i bambini che sono vittime dei nostri stati d'animo.

Raccontiamoci tutte le sere una storia della buonanotte, teniamo conto delle cose belle che abbiamo. Diamo il giusto peso al superfluo


Riempiamo questo tempo con qualsiasi cosa ci faccia stare bene.

Fotografia significa "scrivere con la luce".

Quella stessa luce che sto guardando in questi giorni e che mi fa venire voglia di correre in studio.

Quella stessa luce che molti di noi possono vedere dalle proprie finestre.

E' una luce presente. Una luce che rivela delle possibilità che già oggi riusciamo a intravedere.

© 2018 by Via Lactea Studio - Beatrice Angelini P.iva 01447980119 - Web Design by Amen Studio